Caffenichilismo On Air

COA #118 – A proposito di aspirapolveri usate dalla parte in cui succhiano

questa puntata si sarebbe dovuta intitolare “solitamente chi indossa felpe del michigan puzza” ma non l’abbiamo fatto per non gonfiare eccessivamente l’ego di lepronte.

registrata e trasmessa giovedì 27 maggio 2010 @studio1
Demiurgo, Commercio; Satrapo e Wemma via skype

negli ultimi due anni il Satrapo s’è fatto sentire poco perchè doveva preparare il suo matrimonio; noi finalmente gli abbiamo dedicato una puntata per rendergli pan per focaccia (d’i puji). peraltro confermiamo che il matrimonio del Satrapo c’è stato ed è stato uno dei momenti meglio della nostra vita
i migliori anni della noooooooooostra vita
ok scusate ma oggi mi sento un po’ sorcino.

rnk al matrumonio del sutrapo

i migliori ani della nostra vita

il filosofo asseva perchè era andato a sentire i wolf eyes e ha fatto bene considerando che sono piuttosto fuckin’ michigan e vabbè, anche se Lepronte prontamente ci ha fatto notare che solitamente chi indossa felpe del michigan puzza. abbiamo dato la giusta paternità alla nota frase “bei tempi quando il demiurgo pesava come una smart” ad Andrej ChikatiLOL che ce la reclamava. ci siamo scusati con Mazza perchè ancora non l’abbiamo assogiato ma vabbè. abbiamo discusso dell’opportunità di cantare dragostea din tei al matrimonio. abbiamo parlato della triplete ma un po’ di sponda, e del m*rda del calciomercato. abbiamo analizzato la genialità del mettere il proprio nome sui banchi in chiesa e nello specifico della chiesa arcipretale di russi, dove ci si inginocchia sul duro legno, legno proprio legno non impiallacciato, non tamburato. abbiamo parlato della nomenclatura del mobilio IKEA, dell’opportunità di avere una ragazza svedese e della non opportunità di avere una ragazza ingegnere. abbiamo osservato che non ci sono termini ostativi per iscrivere all’associazione culturale caffé nichilismo dei bambini di età inferiori a 36 mesi. abbiamo discusso dell’opportunità di invitare lepronte senza gonfiargli l’ego più di tanto. abbiamo presentato il caso della vittoria bidone. abbiamo anche parlato della tendenza dei giornali online a divenire, nel tempo, dei depositi di softcore (=nocciolo morbido, ovvero quello che si produce dopo aver assunto fave di fuca). oh poi abbiamo preso in esame la trista vita di falco nathan a cui abbiamo augurato di farsi mangiare in testa dai bambini tipo luigio. abbiamo parlato di retrofuture, di coca-cola, di red bull. Oh poi dopo un’ora e venti arriva il Satrapo e tutto prende una piega migliore, più umana e più vera (attenzione comunque che grazie alla contemporanea presenza del wemma si è parlato più del matrimonio del wemma che di altro, e ce ne scusiamo con gli ascoltatori).